CONTACTS

Via Cairoli, 3

Limbiate (MB)

20812

Italy

 

ADDRESS

Telephone:

Daniele Paccagnan +393404984266

Giorgio Beltrami +393404679591

 

Email:

polisporteventi@yahoo.it

 

P.IVA/CF: 06412320969

PULA

 

Sponsored by

Sponsor3.jpg
Sponsor2.jpg
Sponsor1.jpg
Volantino approvato.jpg
LOGO_tracciato png vett.png

OLIVANOVA

MILAN JUNIOR CAMP   2020

Dal 12 Luglio al  17 Luglio 2020

PULA

In uno dei tratti costieri più belli della Sardegna meridionale, nella cosiddetta “costa del Sud”, sorge la piccola cittadina di Pula. Situata a circa 30 chilometri da Cagliari, il capoluogo sardo. Il borgo turistico è disteso in una piccola pianura delimitata dai rilievi montuosi del Sulcis.

Un vero tuffo nel passato sono le rovine di Nora sono tutto ciò che resta di quella che un tempo fu una delle città più potenti della Sardegna. Fondata dai fenici nel VIII secolo a.C. in seguito divenne un importante centro punico poi passato sotto il dominio romano nel III secolo d.C., e infine abbandonata quattro secoli dopo a causa della costante minaccia di incursioni arabe nella città. Gran parte delle strutture portuali giacciono sotto il mare a causa dell’arretramento della linea costiera ma il vero fiore all’occhiello è il teatro romano del I secolo che poteva contenere circa 1.200 spettatori.

Altro elemento di grande interesse nei pressi di Pula sono le torri di avvistamento spagnole edificate per difendere la città dalle incursioni piratesche sulle coste della Sardegna. Ricordiamo, in particolare la torre di Cala d’Ostia, costruita nel 1773 sulla costa di Santa Margherita, la torre di San Macario situata sull’omonimo isolotto a circa 400 metri dalla Punta di Santa Vittoria che domina sulla fascia costiera e soprattutto la Torre di Sant’Efisio posta sul promontorio del Coltellazzo nella baia di Nora, le cui fondamenta poggiano sui resti di antiche strutture dell’acropoli fenicio punica, dette “Castellas”.

Andando oltre si scorgono una serie di bellezze naturalistiche davvero uniche, come la splendida foresta di Is Cannoneris, con il bosco di lecci più esteso del Mediterraneo. Quest’area è la più importante per la salvaguardia del cervo sardo, ma qui vivono anche falchi e aquile reali, oltre a cinghiali volpi e gatti selvatici. Numerose escursioni a piedi o in mountain bike da Pula consentono di attraversare i lunghi sentieri della foresta per ammirare al meglio il paesaggio e favorire gli incontri con la fauna selvatica. È anche possibile raggiungere in auto il cuore della montagna fino a punta Sebera da cui si ammira un magnifico panorama sui monti del Sulcis e su tutta la costa del sud.